Lasciaci un messaggio


Al momento non siamo disponibili. Inviaci un email e risponderemo il prima possibile

Lasciaci un messaggio
Proiettore ai fotoni
Proiettore ai fotoni
Proiettore ai fotoni
Proiettore ai fotoni

Proiettore ai fotoni

Proiettore ai fotoni
Proiettore ai fotoni
Proiettore ai fotoni
Proiettore ai fotoni
850,00 €
IVA inclusa

Un trattamento anti-età con la luce Led light, avvalorato da una ricerca della NASA. La vostra pelle ha la capacità di assorbire la luce ai fotoni e utilizzarla come fonte di energia per stimolare la rigenerazione cellulare.

Ulteriori dettagli
Quantità

Disponibilità immediata
 

Pagamenti in totale sicurezza con i maggiori servizi online

 

Spedizione entro 24H con corriere espresso. Gratuita in Italia

 

Assistenza ufficiale ALE&GIÒ su tutti i nostri prodotti

Una nuova vitalità per il tuo benessere

Usare il Proiettore ai Fotoni è un modo naturale e sano per essere più giovani. Un trattamento anti-età con luce Led light, scoperto da una ricerca della NASA¹. La vostra pelle ha la capacità di assorbire la luce ai fotoni e utilizzarla come fonte di energia per stimolare la rigenerazione cellulare. L' uso della luce chiamata Led light therapy, dapprima ricercata dalla NASA¹ per l'uso nei programmi spaziali degli Stati Uniti, può invertire e controllare i segni visibili dell'invecchiamento e aiutano a vederci più giovani negli anni.

Con questo trattamento di luce naturale si hanno molteplici benefici quali riduzione dell'inasprimento della pelle, levigazione delle rughe, riduzione delle macchie, arrossamenti e diminuzione delle dimensioni dei pori della pelle. Inoltre, la Led light terapy può essere utilizzata per trattare efficacemente contratture muscolari minori e dolori articolari, distorsioni, mal di schiena, spasmi muscolari, dolori e rigidità connessi all'artrite, migliorando la circolazione sanguigna locale ed altro ancora.

¹ NASA Light Technology Successfully Reduces Cancer Patients Painful Side Effects from Radiation and Chemotherapy | The Use of NASA Light-Emitting Diode Near-Infrared Technology for Biostimulation

Come agiscono i led?

I LED, a differenza dei laser, della luce pulsata o della radiofrequenza, liberano energia a bassa intensità, senza effetti termici, senza ablazione della superficie cutanea.

La luce rossa, emessa dai LED, porta alla stimolazione di collagene ed elastina offrendo diverse indicazioni terapeutiche: ferite e ulcere cutanee, fotoringiovanimento, fino alla stimolazione immunologica della cute.

Il Proiettore ai fotoni è un dispositivo che sfrutta le proprietà ottiche di alcuni materiali per produrre fotoni, particelle elementari di luce. Nel caso della fotobiostimolazione, si utilizzano i LED, in questo caso a luce rossa con lunghezza d’onda di 630/640 nm e intensità specifica per dare energia e stimolare le cellule cutanee. Si tratta di una luce fredda e “pulita” che non ha effetti negativi e quindi non è in grado di danneggiare la pelle come succede, invece, con gli ultravioletti.

proiettore-new-2.jpg

Differenza tra luce Led e Laser

Vogliamo in primis fare chiarezza sull’idea sbagliata che si ha nell’accomunare due apparecchiature quali il LED"Light Emitting Diode" e il LASER "Light Amplification by Stimolated Emission of Radiation" che seppur simili differiscono per varie caratteristiche. Entrambi differiscono per il modo con cui l’energia viene trasmessa, i LED la distribuiscono su una superficie maggiore rispetto ai LASER (che sono focalizzati in un solo punto, infatti il laser altro non è che un raggio di energia coerente, unidirezionale, monocromatica ed in fase). I LED inoltre sono in grado di trasmettere 1/3 di energia in più rispetto ai laser, in una data unità di tempo grazie ad un maggiore e più efficiente ciclo di funzionamento.

L’uso della luce per un trattamento chiamato Led light therapy ha tra i vantaggi quello di garantire massima sicurezza nel suo utilizzo in quanto non contiene raggi ultravioletti, come invece altri tipi di terapia della luce, risulta pertanto ideale per un uso regolare seppur dilazionato esaltandone così l’efficienza dei risultati.

Led.jpg
energia.jpg

Ritrova la tua energia!

La luce rossa crea un effetto biochimico nelle nostre cellule che serve ad aumentare la funzione mitocondriale, questo migliora la produzione di ATP (adenosina trifosfato = energia) nel corpo. La terapia con luce rossa “nutre” le cellule aumentando l’energia attraverso l’ottimizzazione della struttura e meccanica delle molecole proteiche appartenenti ai complessi della catena di trasporto dell’energia nella membrana interna dei mitocondri. La luce viene assorbita dai citocromi dei mitocondri, con conseguente aumento dell'attività metabolica delle cellule bersaglio ed una maggiore disponibilità di energia cellulare. La successiva traslocazione di protoni lungo la catena respiratoria mitocondriale determina una maggiore sintesi di ATP (l'ATP è in termini pratici la "benzina" delle nostre cellule), così ottenendo una maggiore disponibilità di energia per le cellule stesse.

(Ferraresi C. et all., 2015)

I benefici sulla pelle

La terapia LED è oggi una procedura cosmetica approvata dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense, in cui gli effetti osservati includono aumento della produzione di ATP, modulazione dello stress ossidativo intracellulare, induzione di fattori di trascrizione, alterazione della sintesi del collagene, stimolazione dell'angiogenesi (sviluppo di nuovi vasi sanguigni a partire da altri già esistenti) e aumento flusso sanguigno.

(Calderhead RG., 2007)

Uno studio pubblicato sul Photomed laser surgery Journal nel 2014 ha fatto chiarezza sula sicurezza e l'efficacia della modalità di trattamento della luce non termica, non ablativa, atraumatica, policromatica di basso livello nei confronti del miglioramento dell'aspetto cutaneo, all'aumento del collagene intradermico e alla riduzione visibile delle linee sottili e rughe. In suddetto studio, si è riscontrato un miglioramento significativo nell’aspetto estetico cutaneo, rugosità della pelle valutata profilometricamente e densità del collagene misurata ultrasonograficamente.

La luce rossa con lunghezza d’onda analizzata in dettaglio precedentemente stimola l’attività cellulare e aumenta l’afflusso di sangue sulla superficie cutanea.

(Wunsch A et all., 2014)

benefici_sulla_pelle.jpg
benefici_occhi.jpg

I benefici sugli occhi

Uno studio recentissimo del professor Glen Jeffery (UCL Institute of Ophthalmology), pubblicato sul Journals of Gerontology, dichiara come con l'avanzare dell'età il sistema visivo di ciascun individuo tende inesorabilmente a diminuire in modo significativo, in particolare superati i 40 anni. La sensibilità della retina (membrana più interna del bulbo oculare) e la visione dei colori sono entrambe gradualmente compromesse sul piano della efficienza o della stabilità e con una popolazione che invecchia questo è un problema sempre più importante.

Per cercare di arginare o invertire questo declino, si è cercato di riavviare le cellule della retina con brevi lampi di luce mediante l’utilizzo di dispositivi LED che emettono luce rossa.

I ricercatori hanno scoperto che la sensibilità concerne il contrasto del colore a livello del cono (componente strutturale della retina e deputata alla capacità di rilevare i colori) è migliorata fino al 20% in alcune persone di età pari o superiore a 40 anni. Anche la sensibilità dell'asta (altra componente della retina oculare con la capacità di vedere in condizioni di scarsa illuminazione) è migliorata in modo significativo nelle persone di età pari o superiore a 40 anni.

(Jeffery G et all., 2020)

I benefici sul capello

"Lasers in Medical Science" è la rivista accademica in cui è stato pubblicato uno studio datato 2018, con lo scopo di analizzare le potenzialità dei LED a emissione di luce rossa nel promuovere l’attivazione della via di segnalazione Wnt / β-catenina che gioca un ruolo importante nella morfogenesi del follicolo pilifero e nella crescita dei capelli.

Tale emissione non solo ha migliorato l'allungamento del fusto e della radice del capello ma ha anche migliorato l'espressione di β-catenina, p-GSK3β e Lef1 presenti a livello della matrice dei capelli. Uno studio di tale entità suggerisce come la luce rossa emessa da dispositivo LED sia in grado di promuovere l’attivazione della via di segnalazione Wnt / β-catenina e possa così servire come alternativa estremamente valida per l’alopecia.

(Han L. et All., 2018)

capelli.jpg
Allenamento-con-le-funi.jpg

I benefici sul muscolo

"Lasers in Medical Science Journal", è la rivista accademica che nel 2013 ha pubblicato un importante studio avente l’obiettivo di determinare l'effetto della fototerapia con diodi a emissione di luce (LED) nel campo del rosso (630 nm) sul recupero muscolare dopo un dannoso esercizio eccentrico.

I parametri monitorati in questo studio risultano essere la forza muscolare isometrica, l’indolenzimento muscolare e la flessibilità articolare definita dal ROM (Range Of Motion), ossia dai gradi di libertà permessi da una specifica articolazione.

. I risultati hanno dimostrato che l'indolenzimento muscolare, la perdita di forza e tonicità del muscolo e le riduzioni nella flessibilità articolare in termini di ROM (Range Of Motion), per il gruppo LED rispetto al gruppo PLACEBO erano significativamente ridotti nei vari controlli effettuati a seguito di un dannoso esercizio eccentrico. Un singolo intervento LED a luce rossa (630 nm), immediatamente dopo un dannoso esercizio eccentrico, è stato così estremamente efficace in termini di attenuazione del dolore muscolare, della perdita di forza muscolare e dei disturbi del ROM.

(Borges LS et all.,2013)

I benefici sulle ferite

Studi pre-clinici in vitro e primi studi clinici hanno dimostrato che i LED a frequenza rossa, sviluppati dalla National Aeronautics and Space Administration (NASA) hanno effetti benefici sulla guarigione delle ferite.

(Whelan HT., 2001)

Sulla base di questi rapporti, è stato eseguito il seguente studio pilota, pubblicato sul The Journal of clinical and aesthetic dermatology, atto a valutare se il processo fototerapico con LED potesse o meno migliorare la guarigione delle ferite in seguito ad esempio a procedure chirurgiche estetiche. Lo studio ha riguardato soggetti maschi e femmine con un'età media di 52,3 anni (range 44–59 anni) sottoposti a blefaroplastica combinata (procedura chirurgica che ha lo scopo di migliorare l'aspetto estetico e la funzionalità delle palpebre, rimuovendo o rimodellando in maniera personalizzata la pelle, il tessuto muscolare e il grasso in eccesso dalle palpebre stesse). Metà viso di ciascun soggetto è stata trattata con LED rosso a lunghezza d’onda pari a 633 nm per 20 minuti subito dopo l'intervento, successivo analogo trattamento 48 ore dopo l'intervento e altre due volte la settimana successiva sempre sulla medesima metà facciale. I soggetti sono stati valutati 24 e 48 ore dopo l'intervento chirurgico, a sette e 10 giorni e a due, tre e sei settimane. La risoluzione di eritema, edema, lividi con il passare dei giorni è stata valutata utilizzando la fotografia digitale ed è stata esaminata da un’equipe di chirurghi plastici. La metà del viso trattata con LED è guarita dopo una media di 13 giorni contro 26,8 giorni che sono stati invece necessari per la risoluzione del lato non trattato. Si può facilmente intuire come la fototerapia a LED a luce rossa ha dimezzato i tempi di completa guarigione.

(Glynis Albon., 2018)

ferite.jpg

Codice
NT060
Voltaggio
In entrata: 100-240V AC 1,0A / In uscita: DC 24V 2A
Consumo
4W
Peso
7 Kg
Dimensione collo
70 x 50 x 19 (cm)
Tipologia dispositivi
Dispositivo medico - Classe I
Identificativo di registrazione BD/RDM
1464214
Altezza massima piantana
173 Cm
Altezza minima piantana
135 Cm